seguicisu

Seguici su:  

I SALUTI DEL NUOVO PREFETTO

data

Giovedì 23 Giugno 2022

corpo

Enrico Roccatagliata neo Prefetto di Lodi si è insediato ufficialmente negli uffici di corso Umberto a Lodi.

Ecco la sua lettera rivolta ai lodigiani.

"Con grande emozione, con il senso profondo delle responsabilità che sono intimamente connesse all’incarico di Rappresentante del Governo, assumo oggi le funzioni di Prefetto di Lodi.

Ringrazio l’Amministrazione alla quale mi onoro di appartenere per la fiducia accordatami e mi adopererò affinché risulti ben riposta.

Desidero rivolgere un caloroso saluto alle cittadine ed ai cittadini di questa provincia, partecipi di una laboriosa comunità di antiche e radicate tradizioni.

Particolare vicinanza voglio esprimere a quelle famiglie che hanno dovuto soffrire i luttuosi colpi dell’emergenza pandemica, ai giovani che hanno visto fortemente segnata una parte del loro percorso di vita e di formazione, agli operatori economici che con altissimo senso di responsabilità e pur con tangibili sacrifici, hanno compreso, saputo e voluto affrontare l’emergenza per finalmente avviare una nuova fase di ripresa, ancor però ingombra di nuovi non facili ostacoli.

Un grato saluto rivolgo al Personale della Sanità. L’altissima professionalità, l’abnegazione e lo spirito di servizio ne hanno contraddistinto l’opera in quei difficilissimi momenti, segnati indelebilmente nel ricordo di noi tutti.

Un rispettoso saluto va al Presidente della Giunta Regionale, ai Sindaci, al Presidente della Provincia ed a tutte le componenti degli Enti territoriali.

Nel solco tracciato da chi mi ha preceduto, assicuro la più ampia collaborazione al servizio delle comunità.

Sono convinto che la complessità della società contemporanea, le interconnessioni esistenti tra i diversi livelli di amministrazione così come gli eventi esterni al territorio che riflettono i loro effetti in sede locale, richiedono, nel rispetto delle prerogative di ciascuno,  l’azione sinergica delle Istituzioni, con l’obiettivo di riavviare il volano economico e limitare i rischi di nuove stagioni emergenziali, dare ai nostri giovani concrete prospettive ed opportunità, ridurre le disuguaglianze e le esclusioni sociali.

Alle Autorità civili, alla Magistratura, agli appartenenti alle Forze dell’Ordine, ai Vigili del Fuoco desidero rivolgere un caloroso saluto auspicando ancor più intensi rapporti collaborativi a garanzia dei diritti dei cittadini, della legalità e sicurezza, anche ambientale, fattori fondamentali per un sano e duraturo sviluppo sociale ed economico del territorio, in vista delle iniziative derivanti dalle azioni governative applicative della pianificazione per la ripresa e resilienza nazionale.

Lo stesso saluto voglio indirizzare alle Organizzazioni sindacali e alle Associazioni degli imprenditori e al mondo del lavoro.

Insieme, questo è il modo con il quale potranno essere affrontate quelle tematiche che la dialettica tra le parti potrà far emergere. Insieme potranno essere individuate le relative soluzioni.

Affinché il suo valore costituzionale e fondativo non sia vilipeso, il lavoro non può essere causa di lutti e di sfruttamento. Auspico quindi iniziative volte ad individuare percorsi condivisi e strumenti per implementare la sicurezza sui luoghi di lavoro con la collaborazione delle parti sociali e degli attori istituzionali.

Nel salutare le Autorità religiose, tutte le Comunità di fede e le Organizzazioni del terzo settore, confido nel loro sostegno per affrontare i complessi temi sociali degli anni recenti.

Un pensiero va anche a tutti gli Operatori della cultura, alle istituzioni scientifiche e culturali del territorio.

Al mondo della Scuola voglio assicurare il mio personale impegno per iniziative volte a diffondere il senso e il valore della legalità, il significato di avere diritti e la consapevolezza che detti diritti si completano e si affermano solo se si riconoscono e si osservano anche i propri doveri.

Quali espressione di una democrazia compiuta, ricordo il ruolo degli Organi di informazione, a cui va un caloroso saluto.

I riflessi dei complessi scenari internazionali, suscettibili di essere sempre più avvertiti anche in questo contesto territoriale, possono essere affrontati con spirito di comunità e appartenenza nazionale ed europea e con lo strumento delle matrici valoriali che trovano nella nostra Costituzione la più completa declinazione. Quelle matrici rappresentano il percorso più sicuro e foriero di nuove conquiste civili e democratiche.

Su tali basi, il mio massimo impegno".

Enrico Roccatagliata

Archivio mensile

Condividi:

Articoli più letti

Sabato 19 Maggio 2018

E' accaduto nel Cremonese; le forze dell’ordine stanno...

Sabato 11 Maggio 2019

Un uomo di 57 anni di Vescovato ha improvvisamente perso...

Lunedì 22 Gennaio 2018

Dietrofront dell'Agenzia delle Dogane

tuttigliarticoli

footerbottom

© Copyright 2016 VideoNotizieTV
P.I. 10822650155

Powered by Weblitz

seguicifooter

Seguici su:  

Menu Servizio Footer